Congressi ed eventi

SOLUZIONI INNOVATIVE NELLA GESTIONE DELL’ASMA
Aprile 2019

SOLUZIONI INNOVATIVE NELLA GESTIONE DELL’ASMA

ESTE (PD) 04/04/2019

Crediti ECM:
3.00

L’ASMA è una patologia infiammatoria cronica delle vie aeree caratterizzata da sintomi respiratori come dispnea, respiro sibilante, tosse ecc., da iperreattività bronchiale con un quadro funzionale di ostruzione generalmente reversibile, spontaneamente o con terapia. Dopo una stabilizzazione nella sua prevalenza negli anni novanta, negli ultimi anni, l’asma sembra nuovamente in crescita, sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo. Il più recente aggiornamento delle linee guida GINA ha evidenziato le novità in tema di diagnosi e terapia. L’ASMA, quando non controllato adeguatamente, può generare una significativa compromissione della qualità di vita dei pazienti. La terapia diventa quindi fondamentale, anche in considerazione delle ultime novità in tal senso, che si affiancano ai classici farmaci broncodilatatori e steroidei inalatori. E’ noto da tempo che l’asma si presenta come malattia eterogenea con diverse presentazioni cliniche ma, solo di recente, grazie alle recenti acquisizioni scientifiche che hanno portato a migliori conoscenze fisiopatologiche è stato possibile identificare alcuni gruppi di pazienti con caratteristiche simili (Fenotipi). Tali conoscenze hanno permesso di mutare l’approccio terapeutico di tale malattia, essendo stato possibile passare da una terapia uguale per tutti ad un approccio personalizzato in base alla fenotipizzazione clinica consentendoci di prescrivere una terapia specifica per ogni tipo di asma. Diventa quindi fondamentale integrare le diverse professionalità di tutti gli specialisti, per una migliore gestione dei pazienti affetti da Asma bronchiale: dalla fase acuta, al ricovero nei reparti di Pneumologia, Medicina Interna fino alla dimissione e gestione da parte del MMG. Sono attualmente disponibili per il trattamento dell’asma veri e propri prodotti high-tech, quali ad esempio gli anticorpi monoclonali, che vanno a colpire specifici target della cascata infiammatoria dell’asma bronchiale. In questo modo, quindi, ci si muove verso una terapia sempre più mirata, sia in fatto di molecola curante, sia in fatto di modalità di assunzione. Tuttavia se da un lato è aumentata l’efficacia dei farmaci, persiste il problema su come questi vengano utilizzati dal paziente, e su come il prescrittore informi sul corretto utilizzo degli stessi. La mancanza di attenzione coinvolge ancora 6 italiani su 10, provocando la non corretta gestione di tali malattie e facendo lievitare i costi sanitari.

Professione:

Scarica la brochure